Dottor Neri Nutrizionista a Bologna

CELL:391/4973965  MAIL:info@drneri.it      Via G.MARCONI n°9 e Via EMILIA PONENTE 129/D 
Obesità e Diabete, qual è il legame?

Obesità e Diabete, qual è il legame?

Obesità e diabete: correlazioni e rischi

L’obesità è una delle piaghe del nostro secolo e l’Italia non fa eccezione. Le percentuali di persone in sovrappeso e di quelle obese sono sempre più allarmanti, tanto da spingere anche i governi ad attuare campagne di sensibilizzazione ad una corretta alimentazione.

Questo problema è sempre esistito, ma con la crescita sempre più massiva di cibo spazzatura a basso costo e veloce da mangiare o preparare, ha aumentato l’obesità, conseguenza anche di una ridotta attività motoria. L’obesità oggi è un problema diffuso, tanto da raggiungere anche i più piccoli con l’obesità infantile, un rischio molto grave per la loro salute.

Questa obesità è stata da sempre presa come uno dei vari fattori di rischio per la comparsa del diabete di tipo 2, che è causato dalla perdita di efficienza delle cellule beta del pancreas. Tuttavia negli ultimi anni sono stata riscontrate correlazioni anche tra il diabete di tipo 1 è l’obesità facendo nascere un nuovo tipo di diabete noto come “intermedio”.

In questo particolare articolo, vedremo quali sono i tipi di diabete che possono essere causati dall’obesità e quali sono i consigli alimentari degli esperti per prevenire questo tipo di disturbi.

Obesità: quale tipo di diabete può causare

Come abbiamo già accennato l’obesità è una delle cause più diffuse e note per l’insorgenza del diabete di tipo 2.

Il diabete di tipo 2 è una malattia gravissima e cronica, caratterizzata dalla combinazione di resistenza all’insulina periferica e un’alterata secrezione di insulina da parte delle cellule del pancreas. L’insulina come saprete svolge un’azione vitale nel nostro corpo, questo per via del suo ruolo necessario per l’assimilazione dello zucchero da parte delle cellule. Questa funzione nelle persone diabetiche è meno forte ed efficiente, pertanto il corpo è costretto a produrre insulina in modo più massivo.

Se questo però non dovesse bastare, come capita nei pazienti affetti da diabete di tipo 2, ci troveremo di fronte a progressivo aumentare della glicemia. Questa situazione, nota come iperglicemia, espone i tessuti a vari danneggiamenti.

Il diabete di tipo 2 è la causa principale di cecità, escludendo le cause traumatiche, e anche dell’insufficienza renale cronica.

Tuttavia in recenti studi, del diabete originato dall’obesità, è stata riscontrata la presenza di un particolare tipo di diabete. Questo diabete, denominato “intermedio”, combina gli effetti autoimmuni del diabete di tipo 1 e i problemi d’insulina del diabete di tipo 2.

Distinguere chi è affetto da diabete intermedio o Nirad non è affatto facile. Ad una prima analisi della situazione, una persona affetta da questa patologia è pressoché identica ad una affetta da diabete di tipo 2. Nel sangue di questi pazienti però, sono presenti autoanticorpi che vanno a colpire le cellule sane del pancreas, causando così la malattia autoimmune.

In questo caso la terapia è anche in questo caso in una zona intermedi fra il diabete di tipo 1 e quello di tipo 2. Inizialmente la terapia è di tipo farmacologico, per favorire l’ingresso dell’insulina nelle nostre cellule, quando però questo non è più sufficiente si passa allora alla somministrazione di insulina. I tempi di passaggio tra terapia farmacologia e somministrazione di insulina sono più rapidi rispetto al tipo 2, ma più lenti rispetto al tipo 1.

Obesità: consigli alimentari

Il diabete, quando causato dall’obesità, per fortuna può essere anticipato, evitato o prevenuto. Chiaramente non tutti gli ammalati di diabete sono obesi o sovrappeso, ma come abbiamo ampiamente dimostra l’obesità, peggio se preceduta dall’obesità infantile, costituisce un grave rischio in tal senso.

Inoltre l’obesità non è un problema per il diabete, di qualsiasi tipo esso sia, ma è anche un problema generalizzato per tutto il nostro corpo, che sarà affaticato da uno stile di vita poco salutare.

Per questo motivo ci sentiamo in dovere di aggiungere, come corollario di questo approfondimento sull’obesità e il diabete, i nostri consigli alimentari e sullo stile di vita corretto da seguire.

L’importanza dei pasti

Spesso e volentieri il problema parte dalle basi delle abitudini alimentari, ovvero la suddivisione dei pasti. Sebbene non sia vitale mantenere la suddivisione colazione, pranzo e cena, così come sono, però è vitale che al mattino la nostra giornata parta con il sostentamento giusto per la nostra mattina.

Molti italiani purtroppo saltano completamente la colazione o ne fa di incomplete e insufficienti.

Evitare bibite gassate e junk food

Lo sappiamo, sono buoni, sono dolci, sono comodi, tante belle scuse, ma al nostro organismo non fanno per niente bene. Limitate le bibite gassate, come se fossero l’alcol, a particolari serate, magari nel weekend per darvi la libertà. Stesso discorso per gli snack e tutto il cibo spazzatura, che in realtà serve solo a farvi buttare soldi.

Rivalutate frutta e verdura come snack

Siamo abituati a vedere le verdure come qualcosa di noioso, da mangiare a tavola come contorno, una cornice insapore. La verdura può essere tranquillamente preparata come uno snack comodo e fresco: basti pensare a tocchetti di carota o di sedano, oppure acini d’uva puliti e lavati e pronti al consumo.

Questi snack, oltre ad essere molto più economici, sono anche decisamente più utili al vostro corpo.

Movimento fisico

Questi descritti sono ovviamente solo dei piccoli trucchi, per evitare l’obesità serve un processo di vita diffuso e attento per chi è particolarmente esposto. In particolare, tra i tanti consigli c’è anche quello principe ovvero fare attività fisica.

Senza di questa ogni sforzo potrebbe essere vano. Per cui cercate di sforzarvi di evitare l’uso della macchina per i tragitti brevi, andate al lavoro a piedi, salite le scale e non usate l’ascensore e via discorrendo.

L’importanza dell’aiuto professionale

Arrivati a conclusione di questo articolo di approfondimento sull’obesità, l’obesità infantile, il diabete di ogni tipo e via discorrendo, ci teniamo a ricordarvi l’importanza di rivolgervi ad esperti della nutrizione e medici.

Loro non solo potranno aiutarvi a dissipare eventuali dubbi, ma potranno anche assistervi nel percorso di guarigione.

 

 

Nostri Servizi

Studio Dottor Neri, P.I.03522951205, C.F. NRECLD73A28A944B Iscrizione ordine Biologi:074611. Copyright Dottor Neri-Nutrizionista a Bologna © 2005-2021 Tutti i diritti riservati

Zoe Web SolutionsRealizzazione Sito Web e Posizionamento sui Motori di Ricerca powered by Zoe Web Agency - Friends