nutrizionista Bologna, diete personalizzate, dieta, diet coach

Nutrizionista Bologna, Nutrizionista Sportivo e Clinico, Diete Personalizzate  -   391/4973965 - info@drneri.it

Via MARCONI n°9 e via EMILIA PONENTE 129/D

Cosa è l’ipotirodismo? E Quale è la dieta per l'ipotiroidismo ideale?

Quali sono i valori normali degli ormoni tiroidei?

In condizioni normali i valori considerati nella norma sono nel range sotto riportato:

  • TSH vanno da un minimo di 0.5 a un massimo di 4 mlU per litro.
  • Nell’uomo i valori normali di T3 sono: 80-180 ng/dl; i valori normali di T4 sono: 5-12,5 ng/ml; i valori normali di FT3 sono: 3-8,5 pmol/l; i valori normali di FT4 sono: 9-26 pmol/l
  • Nella donna I valori normali di T3 sono: 80-180 ng/dl; i valori normali di T4 sono: 5-12,5 ng/ml; i valori normali di FT3 sono: 3-8,5 pmol/l; i valori normali di FT4 sono: 9-26 pmol/l

Quando i valori di T3/FT3 e T4FT4 sono minori ai valori indicati si parla di ipotiroidismo

L’ipotiroidismo è un condizione patologica caratterizzata da una produzione bassa di ormoni tiroidei T3 e T4  ed a contempo con livelli ematici di TSH aumentati.

L’ipotoroidismo, specialemnte se in forma subclinica e quindi non viene sempre diagnosticato

Come fare a sapere se soffri di ipotiroidismo?

Ecco alcune domande a cui ti chiedo di rispondere

  • Ti capita spesso di avvertire una sensazione di stanchezza non giustificata da lavori fisici o mentali particolarmente pesanti?
  • Soffri di ritenzione idrica e gonfiore facciale?
  • Accusi difficoltà mnemoniche o un calo della capacità di concentrazione?
  • Ti capita spesso di sentirti depresso/a senza una particolare ragione?
  • Il tuo peso corporeo tende ad aumentare o fatica a scendere nonostante lo scarso appetito, una dieta equilibrata ed uno stile di vita attivo?
  • Soffri di stitichezza (meno di tre evacuazioni settimanali, associate a sforzo durante l'evacuazione, senso di incompleto svuotamento ed espulsione di feci dure e bernoccolute)?
  • Le tue sopracciglia ed i capelli appaiono fragili e spenti?
  • Le tue unghie appaiono sottili e facili alla rottura?
  • Lamenti una riduzione dell'interesse sessuale?
  • Ti capita spesso di avvertire freddo non giustificato da una bassa temperatura ambientale?
  • Tendi a soffrire di pelle fredda, soprattutto a livello di mani e piedi?
  • Soffri di irregolarità mestruali e/o infertilità?

E alla maggior parte delle domande ha risposto positivamente allora la possibilità di essere ipotiroideo o ipotiroidea è elevata e ti consiglio di rivolgerti al tuo medico o all’endocrinologo

Cosa mangiare se soffri di ipotiroidismo?

Nel caso di ipotiroidismo subclinico e non primario (ovvero indotto da patologie autoimmuni) e non trattao con levotiroxina (Eutirox)

  • La prima cosa da valutare sono gli alimenti ricchi di iodio perché il fabbisogno giornaliero di iodio è di 150 microgrammi per gli adulti e 200 per le donne in gravidanza e durante l’allattamento.
    • Il sale iodato è già di per sé una prima alternativa anche se è sempre bene limitarne le quantità
    • pesce, crostacei e molluschi
    • alghe
    • pistacchi, noci, cocco, nocciole,;
    • Mele, mango e ananas mirtilli rossi freschi;
    • Verdure tra cui pomodori
    • yogurt fresco al naturale e latte
    • lenticchie e fagioli, soprattutto bianchi; a proposito della soia però ci sono ipotesi contrastanti a causa di effetto inibitori sul corretto funzionamento della tiroide
    • carne bovina, suina e pollo;
    • uova
    • semi di lino;
    • miglio e tapioca
    • soia, formaggi vaccini stagionati pur contenendo una buona fonte di iodio potrebbero secondo ultimi studi essere implicati in una azione inibitoria nei confronti della tiroide
  • Il selenio noto per la funzione antiossidante, in quanto parte della glutatione perossidasi, una delle più importanti armi endogene contro i radicali liberi e per la corretta funzionalità tiroidea. Questa evidenza scientifica, relativamente recente, si basa sulla scoperta del ruolo del selenio nella conversione del T4 (tiroxina) in T3 (triiodotironina).
    • cereali integri e nei cereali consumati "in chicco".
    • Le noci brasiliane e gli anacardi
    • frutti di mare con particolare menzione per le ostriche,
    • la carne di maiale e la carne di manzo
    • il tuorlo dell'uovo,
    • L’olio di cocco è un alimento che stimola l’attività della tiroide

Quali alimenti limitare nel caso di ipotiroidismo?

Nel caso di ipotiroidismo gli alimenti che è bene limitare

  • soia,
  • miglio
  • le verdure di tipo crucifere (rucola, broccoli, cavoletti di Bruxelles, cavolo, cavolfiore, rapa, ravanello e crescione),
  • limitare anche se in minore misura spinaci, pesche, arachidi, fragole.
  • Si consiglia di eliminare il latte e ridurre il consumo di formaggi, soprattutto se vaccini.
  • Il caffè andrebbe escluso in quanto blocca l’assorbimento della levotiroxina
  • l’alcol che può alterare la produzione e l’azione degli ormoni tiroidei.
  • Studi ancora non definitivi sembrerebbero imputare anche al glutine moderno un’azione inibitoria nei confronti della funzionalità tiroidea

Autore

Dott Neri, Nutrizionista Bologna

Nostri Servizi

Prenota un appuntamento al numero 391/4973965 oppure invia una mail a info@drneri.it

Studio Dottor Neri, P.I.03522951205, Iscrizione ordine Biologi:074611. Copyright Nutrizionista a Bologna© 2005-2020 Tutti i diritti riservati

Zoe Web SolutionsRealizzazione Sito Web e Posizionamento sui Motori di Ricerca powered by Zoe Web Agency - Friends